Viaggio in Birmania – Bangkok pt. 1

bangkokInauguriamo il blog con il mio primo viaggio in terra asiatica.
Gennaio 2015, non stò più nella pelle, non so’ perché tra tutte le mete del mondo ho scelto proprio la Birmania. Forse perché cercavo un posto incontaminato dal mondo moderno dove poter trovare davvero qualcosa di “diverso”. Ho valutato attentamente l’opzione di partire in solitaria ma vuoi che era il primo “grande viaggio” vuoi per mancanza di esperienza ho optato di partire con “ViaggiAvventurenelMondo”. Per chi non conosce la formula fatevi un giro sul loro sito.

Partenza da Roma con Royal Jordanian per scalo ad Amman (eh sì, figuriamoci se esise un diretto!) 4 ore di attesa e altro volo, per la Birmania direte voi…figuriamoci! Diretti a Bangkok dove faremo 3 giorni di scalo. Approfitteremo di questa opportunità per conoscere la capitale della Thailandia, meta ormai di un turismo globale. Appena atterrati la prima cosa che ho notato è stata l’afa, dritti dentro un taxi con la radio sparata a mille con musiche che solo l’Asia sa regalarti, macchine e grattacieli ovunque, direzione Khao San Road, una delle strade più popolari della città dove avevamo la nostra stanza.

La prima impressione che ho avuto è di trovarmi in una località dove tutto è permesso e dove tutto funziona in base al turista. Americani e Australiani ovunque, tutti in costume ed infradito come se fossimo in una qualsiasi località balneare italiana, venditori ambulanti e centri massaggi ad ogni metro, ed ovviamente gli immancabili venditori di insetti fritti che ormai di etnico non hanno più niente. Ovviamente mi sono guardato bene di NON assaggiare quelle “prelibatezze” per turisti ed ho tirato dritto. Il giorno dopo inizia il nostro tour della città. Immancabile la visita al Palazzo Reale, molto bello ma sinceramente per essere la maggior attrazione della città non mi ha “sconvolto”, così come il resto della città.

Il giorno successivo e ultimo giorno visita al grande mercato di Chatuchak, descritto come uno dei più grandi e caratteristici dell’Asia. Beh, grande è grande ma di caratteristico ha ben poco. Fortunatamente ci aspetta un volo della Air Asia con direzione Mandalay.

Come avete capito non sono rimasto impressionato da Bangkok (ma ho paura che anche il resto della Thailandia sia su questa falsa riga), troppo turistica e ormai “svenduta” al progresso. Nota positiva invece per il cibo! ottimo e a prezzo modesto. Abbiamo infatti mangiato in un ristorante di buon livello molto centrale, una portata e una birra a circa 5 euro. Non a caso la cucina Thai è famosa in tutto il mondo!

Rimanete collegati per la seconda puntata del mio viaggio in Birmania.